Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - Andrea

Pagine: [1] 2 3 ... 83
1
A R E N A V I O L A / Re: mutu positivo
« il: Gennaio 31, 2010, 08:44:23 am »
Premetto che non sono mai stato un estimatore di Mutu.
Dico pero' che qualcuno piscia fuori dal vaso ora, moderiamo i giudizi, se ha sbagliato pagherà ma non offendiamo per favore

SempreForza Viola!

2
A R E N A V I O L A / Re: CASSANO
« il: Gennaio 31, 2010, 08:41:44 am »
Il corvo tenta anche  lo scambio Santana-Brighi

3
A R E N A V I O L A / Re: CASSANO
« il: Gennaio 31, 2010, 08:37:41 am »
 tamburini: sventolasciarpa: faccine_ale: faccine_ale: bandieraviola2: bandieraviola: :2003001:
Ma abbiamo chiaro di chi si parla?
Antonio Cassano!
Il carattere che ha non ci deve fregare, abbiamo tenuto Mutu per anni definendolo fenomeno e non ha mai determinato nulla, Cassano è un fuoriclasse, uno che farà la differenza.
Finchè non lo vedo con la maglia viola non ci credo, sarebbe un sogno.
Dopo Baggio un motivo per tornare allo stadio solo per vedere lui.

In alto i calici!!!!!!!!

4
A R E N A V I O L A / Re: Il problema della Fiorentina
« il: Dicembre 03, 2008, 03:20:14 pm »
Il nostro centrocampo non è davvero un granche'....Felipe è forte poi il resto mi pare roba da media squadra. Tutti portatori di palle , nessuno che verticalizza.
A me questo centrocampo NON piace affatto
Ma sai come diceva la mi nonna?  A i'mondo siamo di tanti cervelli, a chi gni garba la salvia e chi l'uccelli
 sventolasciarpa:

5
OFF TOPIC / Re: Montolivo
« il: Dicembre 03, 2008, 06:49:53 am »
A me il dito alla bocca questo bamboccio non me lo mette. Gioca male da sempre...tutti a dire che è un campione e lui ci crede, ma non lo e'.
Corre poco e a sprazzi, NON VERTICALIZZA mai o quasi mai, i suoi tiri per lo piu' sono innocui...i due gol contro l'Udinese fanno parte del gioco, se non fa mai nulla sarebbe da mandare in tribuna.

Equivoco, è un equivoco. Si rende contro che ha la maglia che dal 1960 in poi è stata portata per decine d'anni da De Sisti, Antognoni, Baggio e Rui Costa??? possiamo accostare montolivo anche minimamente a uno solo di questi? La risposta datela voi.

6
A R E N A V I O L A / Re: Il problema della Fiorentina
« il: Dicembre 03, 2008, 06:44:52 am »
Santana? Si gioca in 11 e con questi giocatori se gioca anche Santana (che comunque è l'unico che si impegna sempre e corre come un matto) l'equilibrio si perde.

Serve densità in mezzo e adesso non l'abbiamo. Il Palermo ha schiantato il Milan perche' non gli hanno dato spazi e tempo di pensare con Bresciano, Simplicio, Nocerino e Liverani a centrocampo, sinceramente a me sembra piu' forte del nostro.
Poi vogliamo parlare di Mutu? vogliamo dire che a parte qualche punizione quest'anno non gioca?

7
A R E N A V I O L A / Il problema della Fiorentina
« il: Dicembre 02, 2008, 03:15:06 pm »
Analizziamo le partite dei viola, sia quelle fuori che quelle in casa.
Sempre si subisce le ripartenze dell'avversario.
La difesa sembra sempre in difficoltà e facilmente perforabile.
Secondo me il problema è il centrocampo che con Kuz, montolivo e felipe non copre
Serve Donadel o uno con le sue caratteristiche con Felipe, poi il terzo puo' essere kuz secondo me meglio di montolivo.
Montolivo è in continua involuzione, mai incisivo  e  determinante. Bisogna iniziare a vendere. Senno' si tengano tutti e ci invecchiano in mano!
Secondo me adesso la prima cosa da fare e' bilanciare la squadra, fuori montolivo e dentro donadel.
Portare Vargas avanti e pasqual in difesa.
Frey, comotto, pasqual, donadel, gamberini, dainelli, kuzmanovic, felipe, gilardino, mutu, vargas
 tamburini:


8
OFF TOPIC / Re: Montolivo
« il: Novembre 13, 2008, 10:00:11 am »
Dare un giudizio obiettivo su Montolivo non mi resta facile.
Di getto mi viene da definirlo "irritante".
Aggettivo forte, lo capisco...mi correggo, inutile? ::)
Non so il calcio è difficile e strano, basta un gol e un brocco diveta un campione....
Montolivo lo reputo un buon giocatore, non un campione perche' a 23-24 anni se era un campione l'avremo gia' visto.
Detto questo, magari lo vendiamo ed esplode a Milano...ma il rischio va corso senno'  ci invecchiano tutti in panchina.

A me il centrocampo di questa Fiorentina piacerebbe con Donadel davanti alla difesa con Felipe e Kuz, con santana sulla destra.

Montolivo è una grande pedina di scambio...sarei propenso ad usarla! :) insieme al suo amico Pazzini cosi' togliamo il pazzolivo dalla Fiorentina e prendiamo soldi o contropartita tecnica per migliorare il gruppo e la squadra.

Idea:
Proporre alla Sampdoria Pazzini e cercare di arrivare a Campagnaro ottimo centrale di difesa.

9
Inserisco questo editoriale apparso oggi su Firenzeviola.it a firma stafano borgi , parla di Montolivo.
Sono considerazioni giuste e che secondo me meritano una discussione tra noi tifosi, leggete:


Riccardo Montolivo è un talento naturale. Riccardo Montolivo è una promessa del calcio italiano. Riccardo Montolivo è l'erede naturale di Pirlo, in nazionale. Riccardo Montolivo è l'erede naturale di Antognoni, nella Fiorentina. Riccardo Montolivo è un grande giocatore. Alt! Sull'ultima affermazione ci permettiamo di chiosare. Mentre, infatti, sulle precedenti sono tutti d'accordo, e per tutti intendiamo addetti ai lavori e gente del popolo (e si sa, vox populi vox veritatis), sulla definizione di grande giocatore, il buon Riccardo da Caravaggio se l'è suonata e cantata da solo. A domanda precisa di un giornalista: "Di te cosa pensi?" Montolo rispose testuale: "Che sono un grande giocatore". La differenza sta tutta qui, nella certezza e nell'ipoteticità di certe affermazioni.

 

Sgombriamo il campo dagli equivoci. Che Montolivo sia un talento naturale, nessun dubbio. Basta vederlo muovere, cambiare di passo, calciare, per ricevere l'imput del potenziale campione. Ma non basta, non è sufficiente. Le frasi successive, se ci fate caso, sono tutte improntate al futuro. Promessa (non realtà) del calcio italiano, erede (futuribile) ora di Pirlo, ora di Antognoni (e qui il delitto di lesa maestà è stato seriamente sfiorato). Frasi recanti fiducia, frasi di speranza miste ad incoraggiamento e sprone. L'unica affermazione certa, sicura (oltre che espressa ostentando sicumera) è la sua. Rileggiamola: "Sono un grande giocatore", se qualcuno ha dei dubbi (aggiungiamo noi)...affari suoi. Chi ha visto sabato sera la partita della nazionale avrà certamente notato il numero magico sulle spalle del centrocampista viola. Montolivo aveva il numero 10 (dieci). Pelè, Maradona, Platini, Zico...va bene abbiamo esagerato. Scendiamo allora nei confini nazionali...Rivera, Baggio, Mancini, Totti (e nessuno si scandalizzi perchè il "pupone" è un vero numero 10). Stringiamo ancora il cerchio, restiamo a Firenze... Montuori, De Sisti, Antognoni, Baggio, Rui Costa...qualcuno vede delle affinità?

 

E arriviamo così al senso del nostro titolo. Il quasi omonimo romanzo dello scrittore cecoslovacco Milan Kundera ("L'insostenibile leggerezza dell'essere") parla della leggerezza della vita (l'autore la definisce "unica") nella quale ciò che accade, accade una volta sola, ed è, di conseguenza, inutile che accada. La partita di Montolivo, a Sofia, contro la Bulgaria è stato un inno alla leggerezza, all'estemporaneità. Qualche timida iniziativa, qualche rara apertura, una buona percussione sulla sinistra nel secondo tempo, ma tanta, tanta leggerezza, quasi impalpabilità, come gli accadimenti della vita narrata da Kundera. L'accostamento può sembrare una forzatura letteraria, ma personalmente trovo quest'atteggiamento indisponente, sopratutto se rivestito della maglia numero 10. Certamente la posizione in campo alla quale lo ha sottoposto Lippi (atteggiamento tattico purtroppo adottato anche da Prandelli) non lo favorisce. Largo sulla sinistra, estraneo per lunghi tratti dal gioco, costretto perennemente a rientrare sul destro (il suo piede buono), ma vivaddio mai un'iniziativa, mai un sussulto, mai l'assumersi un rischio che possa caratterizzare la sua prova, che la possa elevare da un "aurea mediocritas". E intanto il tempo passa, Montolivo ha (già) 23 anni (quasi 24, è del gennaio dell'85) ed è inutile ricordare "chi e cosa" erano a quell'età Pelè, Maradona, ma anche Mancini, Baggio per non parlare di Antognoni. A quell'età "Antonio" era capitano della Fiorentina ed aveva già messo insieme 26 presenze in nazionale (quando in maglia azzurra si arrivava per meriti acquisiti e non per infortuni altrui). Detto questo, seguiamo anche noi il gregge e diciamo... il tempo lavora per Montolivo. Resta da stabilire se lavori a favore (leggi possibili margini di miglioramento) oppure a sfavore (più passa il tempo e più si cristallizza questa sua insulsa normalità). Il confine, seppur labile, è sempre più evidente.
Stefano Borgi

10
A R E N A V I O L A / Re: mutu come toni
« il: Ottobre 09, 2008, 09:50:22 am »
La società, comunque, ha smentito tale voci con un comunicato ufficiale.  ^-^

Io l'avrei venduto alla Roma.
Come avrebbe voluto fare Corvino....
Questa Fiorentina puo' fare a meno di Mutu...e con quei soldi prendevi un grande centrale di difesa e un centrocampista!

11
A R E N A V I O L A / Re: gila 6 forte!!!!!!!
« il: Ottobre 09, 2008, 09:48:34 am »
Credo (spero) quest'anno sarà capocannoniere... :)
Quest'estate ho scommesso diverse cene con amici che GILA vinceva la classifica cannonieri.

12
A R E N A V I O L A / Re: Urge intervento societa'
« il: Ottobre 09, 2008, 09:46:52 am »
Io sono sempre dell'idea che gli uomini passano e la Fiorentina resta.
Possiamo fare a meno di tutti se dietro c'e' un progetto serio .
Ballardini o Delio Rossi ad esempio sono due gradi tecnici, cosi' come spalletti...
Spero che Cesare resti con noi a lungo, ma non è che se andasse alla Juve noi si resta col culo in terra state sicuri!!!

13
A R E N A V I O L A / Re: PER STEFANO BORGONOVO!
« il: Ottobre 09, 2008, 09:44:55 am »
STEFANO BORGONOVO UNO DI NOI!!!

Un dolore forte vederlo cosi'.
Ma Borgo vive e lotta e ci da un messaggio di speranza, grazie Stefano!

14
A R E N A V I O L A / Re: Felipe Melo ovvero il grande equivoco
« il: Ottobre 09, 2008, 09:42:44 am »
nel secondo tempo la squadra ha giocato col CIRIBE'(lanci lunghi), perchè melo non si abbassava sulla linea difensiva per prendere la palla e impostare il gioco, mi faccio 2 domande, tattica voluta o il brasiliano non aveva più banane?


Quello di nascondersi, ho notato che è un vizio di Melo...

Io e te vediamo il calcio proprio in modo diverso.
Per me Melo è l'unico che si fa vedere, che chiama la palla e che corre come un matto; si nasconde Montolivo...che quando prende palla o lancia fuori misura o passa laterale corto...
Detto questo i numeri Monto li ha...pero' il tempo delle prove è finito: O esplode e diventa un grande o fallisce.

15
A R E N A V I O L A / Re: SIAMO ALLA FRUTTA
« il: Ottobre 01, 2008, 09:43:17 am »
Io starei calmo.
Evitiamo chiacchiericci da comari frustrate.
In un gruppo ci si confronta e poi si chiarisce...sapete quanti giocatori ha attaccato aimmuro BATI??

Mutu finche' ha i moncherino dovrebbe andare in tribuna, quando stà bene e puo' giocare torna in squadra.

Pagine: [1] 2 3 ... 83