Autore Topic: Il caso Di Livio  (Letto 9928 volte)

Roberto

  • Visitatore
Il caso Di Livio
« il: Luglio 15, 2004, 06:25:15 pm »
Riporto quello che Di Livio ha detto dopo che l'incontro con la soieta' viola e' andato a vuoto:

Il primo appuntamento con Di Livio non è andato a buon fine e il capitano che al momento è svincolato, potrebbe non presentarsi domenica al raduno della Fiorentina, anche se tutto lascia pensare che alla fine ci sarà. "Spero di firmare nei prossimi giorni — ha detto Di Livio non appena uscito dalla sede —, mancano alcuni dettagli. Con la società ci risentiremo presto. Vorrei essere al raduno domenica. Sono troppo affezionato a Firenze e alla Fiorentina, ma a volte i dettagli allungano i tempi di perfezionamento di un contratto. Io voglio essere considerato un giocatore". Nel volto del capitano i segni della tensione, ma nelle parole poca voglia di fare polemica.

Che dire, per me va ridimensionato tutto.
Dilivio si dia una carmata, ma si rende conto che eta' ha? non corre piu' come giocatore e' finito. Non puo' pretendere nulla e dico anche che e' l'ora di farla finita con questa storia della c2, e' rimasto, bravo. Si ringrazia, ma sono passati altri due anni e la serie A non e' piu' per lui che non era competitivo nemmeno in B.
Insomma non e' un caso, a meno che non lo si voglia far diventare.

Anonymous

  • Visitatore
Il caso Di Livio
« Risposta #1 il: Luglio 15, 2004, 07:05:54 pm »
Secondo me ha ragiona Di Livio... lo hanno fatto aspettare come sempre...(vedi Mondonico) e chissà cosà gli hanno detto.
Lui vuole essere considerato un giocatore tutto qua..ricordiamoci che dopo il mondiale e' venuto in C2.

Giovanni

  • Visitatore
Ma che non diventi una sorta di immunita'
« Risposta #2 il: Luglio 15, 2004, 08:49:31 pm »
Citazione
Secondo me ha ragiona Di Livio... lo hanno fatto aspettare come sempre...(vedi Mondonico) e chissà cosà gli hanno detto.
Lui vuole essere considerato un giocatore tutto qua..ricordiamoci che dopo il mondiale e' venuto in C2.


Ma che non diventi un alibi, una sorta di immunita' questa storia della C2.
E' vero , Di Livio, reduce dai mondiali e' sceso in c2, ma aveva gia' 36 anni, dunque a fine carriera.
Oggi a quasi 40 anni non credo sia credibile come calciatore e sinceramente non vorrei di livio nella fiorentina di serie A.
Onore al soldatino per quello che ha fatto, ma adesso basta. Servono calciatori giovani, gente che regga l'impatto della serie A e lui non era piu' competitivo nemmeno in serie B, non per nulla ultimamente non giocava nemmeno piu'!

excalibur

  • Ottimotifoso
  • ****
  • Post: 1149
    • Mostra profilo
Il caso Di Livio
« Risposta #3 il: Luglio 16, 2004, 12:01:42 am »
Non credo che Di Livio chieda la luna, non mi sembra un mercenario, chiede solo rispetto e quello gli va dato. Batistuta era già mezzo finito quando la Fiorentina è andata in C, se proprio ci teneva tanto alla Viola poteva anche lui fare un sacrificio, visto che di fame non more.

Poteva venire anche in B invece che andarsi a cuccare cinque milioni di dollari in Qatar. Poi guarda caso è comparso il giorno della promozione a dire che era pronto a tornare, ma come titolare. Umile il campione.

Guardate che io ho amato Bati in modo viscerale e tengo ancora il suo poster con su un grande cuore viola, che è il mio. Però certi suoi atteggiamenti mi hanno urtata.
Mi sono sentita tradita, per questo poi arrabbiata.

Di Livio no, ha preso in mano la squadra quando stava fallendo, fece anche il dirigente quell'anno. Poi è sceso in C2, ha accettato la panchina quest'anno senza fare polemica. Non credo voglia essere titolare, solo essere rispettato.

Franco

  • Visitatore
Lasciamo stare bati dai...
« Risposta #4 il: Luglio 16, 2004, 08:29:57 am »
Citazione da: "excalibur"
Non credo che Di Livio chieda la luna, non mi sembra un mercenario, chiede solo rispetto e quello gli va dato. Batistuta era già mezzo finito quando la Fiorentina è andata in C, se proprio ci teneva tanto alla Viola poteva anche lui fare un sacrificio, visto che di fame non more.

Poteva venire anche in B invece che andarsi a cuccare cinque milioni di dollari in Qatar. Poi guarda caso è comparso il giorno della promozione a dire che era pronto a tornare, ma come titolare. Umile il campione.

Guardate che io ho amato Bati in modo viscerale e tengo ancora il suo poster con su un grande cuore viola, che è il mio. Però certi suoi atteggiamenti mi hanno urtata.
Mi sono sentita tradita, per questo poi arrabbiata.

Di Livio no, ha preso in mano la squadra quando stava fallendo, fece anche il dirigente quell'anno. Poi è sceso in C2, ha accettato la panchina quest'anno senza fare polemica. Non credo voglia essere titolare, solo essere rispettato.


Non paragonare Gabriel a Di Livio dai...
non c'e' paragone come spessore di calciatore in generale. Uno e' uno dei piu' grandi campioni della storia del calcio, l'altro un discreto  gregario che ha fatto una  grande carriera soprattutto grazie alla sua militanza nella Juve.
Come puoi pensare che Bati sarebbe venuto in C2 a 32 anni?:) dai non bestemmiare.
Oggi Gabriel ha 34 anni e ancora puo' dire la sua, e' ancora devastante su punizione e in area di rigore, certo non ha piu' la progressione incredibile e potente di qualche anno fa ma con questi chier di luna certo in A nella Fiorentina ci starebbe da dio!
Per quello che riguarda Di LIvio non e' un problema per me. La societa' non lo vuole confermare in A come giocatore e mi pare giusto, come giocatore NON e' assolutamente competitivo in A, fine dei discorsi. Con tutto il rispetto per l'uoo e per quello che in passato ha fatto per la fiorentina.

settedue

  • Ottimotifoso
  • ****
  • Post: 2061
    • Mostra profilo
    • Passione Viola
Re: Lasciamo stare bati dai...
« Risposta #5 il: Luglio 16, 2004, 09:33:43 am »
Citazione da: "Franco"

Non paragonare Gabriel a Di Livio dai...
non c'e' paragone come spessore di calciatore in generale. Uno e' uno dei piu' grandi campioni della storia del calcio, l'altro un discreto  gregario che ha fatto una  grande carriera soprattutto grazie alla sua militanza nella Juve.


Non mi sembra che excalibur stesse facendo un pargone tecnico tra Angelo e Gabriel.

Citazione da: "Franco"
Come puoi pensare che Bati sarebbe venuto in C2 a 32 anni?:) dai non bestemmiare.


E dove starebbe la bestemmia?
Di Livio ha fatto una scelta di vita la poteva fare benissimo anche il Bati; Gabriel quella scelta non l'ha fatta neanche per venire in B, ha preferito prendere la lauta pensione offerta dall'emiro. Scelta condivisibile, ma io sul piano umano stimerò sempre di più chi come Di Livio tra i soldi ed il cuore sceglie il secondo.

Citazione da: "Franco"
Oggi Gabriel ha 34 anni e ancora puo' dire la sua, e' ancora devastante su punizione e in area di rigore, certo non ha piu' la progressione incredibile e potente di qualche anno fa ma con questi chier di luna certo in A nella Fiorentina ci starebbe da dio!.


Bati non è più devastante dalla sua seconda stagione giallozozza. In pratica è fermo da un anno. Ho paura che un suo ritorno a Firenze sarebbe tristissimo. Preferisco ricordarmelo che corre alla bandierina o che mitraglia dopo un goal piuttosto che vedere la brutta copia vivacchiare in maglia viola.

Citazione da: "Franco"
Per quello che riguarda Di LIvio non e' un problema per me. La societa' non lo vuole confermare in A come giocatore e mi pare giusto, come giocatore NON e' assolutamente competitivo in A, fine dei discorsi. Con tutto il rispetto per l'uoo e per quello che in passato ha fatto per la fiorentina.


Della Valle quando è entrato nel mondo del calcio ha parlato di sentimenti, di ritorno ad un calcio più "romantico". Se non desse la possibilità a Di Livio di giocare l'ultimo anno in A, si dimostrerebbe un pezzo di mer*a. Non credo che Angelo voglia essere titolare e, a parer mio, come rincalzo può tranquillamente fare la sua parte. Un premio per aver scelto di scender in c2 quando altri meno forti e con meno mercato di lui hanno scelto di scappare a gambe levate per me lo merita.

excalibur

  • Ottimotifoso
  • ****
  • Post: 1149
    • Mostra profilo
Il caso Di Livio
« Risposta #6 il: Luglio 16, 2004, 07:28:48 pm »
Sarà che Gigi un pochetto mi conosce...  :lol: lui ha capito il senso delle mie parole. E' chiaro che Gabriel è su un altro pianeta e non metto in dubbio che lui e Rui avevano più mercato e hanno fatto giocarsi le loro chance, per carità, il mestiere del calciatore dura poco ed è giusto prendere il massimo quando si può. Parlo solo in termini di rispetto, a Gualdo, Rimini, Imola, a sudare c'era Di Livio. Mica pretende di giocare titolare, come invece vorrebbe Bati, desidera solo calcare ancora la serie A dopo averla conquistata, tutto qua. Dieci minuti e oltre li può ancora fare, ha il carisma del capitano, può servire. E poi guardate che Bati non è che stia meglio fisicamente, ha le due caviglie fuori uso, una è stata operata in aprile e in inverno a giocare farebbe fatica in un posto freddo, l'ha ammesso anche lui.

Mi spiace che alcuni viola non riconoscano a Di Livio quello che ha fatto, ma quando s'è conquistata la C1 contro il Savona la Fiesole l'ha osannato alla grande. Vogliamo dimenticarci di tutto???  :cry:

Drulack

  • aficionado
  • **
  • Post: 468
    • Mostra profilo
Il caso Di Livio
« Risposta #7 il: Luglio 17, 2004, 08:19:41 am »
Citazione da: "excalibur"
Non credo che Di Livio chieda la luna, non mi sembra un mercenario, chiede solo rispetto e quello gli va dato. Batistuta era già mezzo finito quando la Fiorentina è andata in C, se proprio ci teneva tanto alla Viola poteva anche lui fare un sacrificio, visto che di fame non more.

Poteva venire anche in B invece che andarsi a cuccare cinque milioni di dollari in Qatar. Poi guarda caso è comparso il giorno della promozione a dire che era pronto a tornare, ma come titolare. Umile il campione.

Guardate che io ho amato Bati in modo viscerale e tengo ancora il suo poster con su un grande cuore viola, che è il mio. Però certi suoi atteggiamenti mi hanno urtata.
Mi sono sentita tradita, per questo poi arrabbiata.

Di Livio no, ha preso in mano la squadra quando stava fallendo, fece anche il dirigente quell'anno. Poi è sceso in C2, ha accettato la panchina quest'anno senza fare polemica. Non credo voglia essere titolare, solo essere rispettato.


Mi trovi perfettamente concorde in tutto .... cmq che il Bati come uomo non valesse poi tanto si sapeva già ..... come giocatore non si discute ovviamente.

Di Livio non è più competitivo per il campionato italiano di A e di B e lo si è visto quest'anno, questo non toglie che potrebbe benissimo entrare a partita in corso quando mancano i 15-20 minuti finali dove con l'esperienza che ha darebbe sicuramente il suo contributo. Poi non ci scordiamo che è, lo ha dimostrato in questi ultimi anni, un gran trascinatore e uomo spogliatoio e questo è molto importante.

E cmq visto il modo in cui ha accettato la panchina nel finale del campionato non sarebbe certo lui ha far casini se la facesse pure in A e manco credo che stia chiedendo un rinnovo faraonico.

excalibur

  • Ottimotifoso
  • ****
  • Post: 1149
    • Mostra profilo
Il caso Di Livio
« Risposta #8 il: Luglio 17, 2004, 07:15:45 pm »
Se chiede un ingaggio faraonico, allora è uscito di testa...  8)

Purtroppo il calcio è cinico, ovvero i suoi dirigenti, vedete anche com'è stato trattato Zola dal Cagliari. Proprio per questo mi auguro che la Fiorentina possa essere un esempio di comportamento, sono anni che i suoi figli se li è sempre tenuti in casa, manca solo Antognoni...

Andrea

  • Administrator
  • Ottimotifoso
  • *****
  • Post: 1242
    • Mostra profilo
    • http://www.chatviola.it
Manca la riconoscenza...
« Risposta #9 il: Luglio 18, 2004, 07:39:44 am »
Premetto che non credo che i sentimenti debbano essere confusi con gli interessi societari. Detto questo, nel casi Di Livio si potrebbe davvero fare un eccezione. A me personalmente Di Livio non e' mai piaciuto tecnicamente, pero' e' molto importante il suo contributo nel gruppo, un contributo di esperienza infinita.
Inoltre questa societa' ha usato la sua immagine in c2 per riportare un minimo di entusiasmo nella tifoseria e lui si e' messo in discussione per questa maglia e per i suoi dirigenti scendendo di molte categorie senza vergogna, senza dubbi, portando con onore e vanto la fascia di capitano e guidando la Fiorentina su campi davvero improbabili per lui, reduce dal mondiale.
Di Livio merita un premio. Lo merita ad occhi chiusi.

E' importante e urgente riportare Antognoni in questa Fiorentina, una societa' in cui esistono personaggi che mi pare non riescano a creare un gruppo, personaggi che non sono capaci di avere obiettivi certi e concluderli, personaggi che non prendono gente perche' costa troppo e poi sperperano gli stessi soldi,  spalmati in tanti  piccoli mezzi gocatori.
Per me e' assurdo mezzo Dainelli a 2.5 milioni di euro ad esempio, meglio spenderne 5  per Barzagli.
"Non compriamo uno qualunque, tanto per fare qualunquismo!"
G.Trapattoni, Firenze 1999
Visita FIRENZE VIOLA.IT !


CAV78

  • Visitatore
IL COLLETTIVO SCRIVE: Rispeto per DI LIVIO
« Risposta #10 il: Luglio 18, 2004, 02:02:35 pm »
RISPETTO PER DI LIVIO!



Nell’agosto del 2002, mentre il “Clan” dei Carraro e degli Abete terminava di infiggere le ultime coltellate alla nostra Fiorentina, Angelo Di Livio, appena reduce dai mondiali coreani e con un contratto miliardario offertogli dal Brescia, non esitava a sposare la causa viola e a farsi condottiero di un impresa che sembrava irrealizzabile: riportare la Fiorentina in serie A! “Riportare questa città dove merita è per me più affascinante che giocare nel Real Madrid, furono le prime dichiarazioni di Di Livio. Lo diceva mentre tutti gli altri “mercenari” che avevano “indegnamente” indossato la maglia viola approdavano in società blasonate ma nelle quali non sono stati sicuramente indispensabili. Di Livio no! Di Livio, nella storia della rinascita viola, è stato il maggiore artefice. E’ lui che scorazzando nei campi di Gualdo e di Gubbio ci faceva sentire ancora vivi, ancora innamorati della nostra Fiorentina. Chi di noi non si sentiva orgoglioso nel vederlo correre e lottare per i nostri colori, per la nostra causa e per restituirci tutto ciò che ci apparteneva? 18.000 abbonamenti in C2 furono sottoscritti in bianco, non per Della Valle, che ancora nessuno conosceva, ma perché c’era Di Livio, perché dentro di noi ancora c’era la Fiorentina! Lo sapeva bene anche Il Sindaco, così come l’Assessore allo Sport del comune di Firenze. Noi ci siamo fatti interpreti di promesse pervenuteci attraverso loro, perché, non dimentichiamolo, la Fiorentina allora era in mano loro, loro l’hanno consegnata a Della Valle e sempre loro da Della Valle hanno ricevuto l’impegno a rispettare gli impegni presi. Così come quella dell’azionariato popolare. A proposito: a che punto siamo? Come mai non se ne parla più? Aspettiamo risposte! Non vorremmo che, come si suol dire: “Passato il Santo…(elezioni amministrative) passate le feste! Di Livio va rispettato, e, ancora di più, le promesse a lui fatte. Ma in questa società la parola riconoscenza, esiste? Tra non molto ci troveremo ad affrontare il problema Riganò, magari gli daranno del traditore, e ci diranno che non ha voluto rinnovare il contratto perché Preziosi gli offre di più, vero? Caro Lucchesi: queste storie sono vecchie e già viste. Lasci perdere. Continuano invece stranamente ad arrivare giocatori sull’asse Perugia-Catania e, ex romanisti, targati Lucchesi e a costo zero: è questo il progetto Fiorentina? Sentiamo puzza di “Nardino Previdi”: ve lo ricordate? Non sarà mica lui a fare il mercato (parola grossa) per la Fiorentina? Che dire poi dell’affare Vryzas? Ma come è possibile che quando si tratta di chiudere “affari” su quest’asse i tempi sono rapidissimi, mentre per gli altri affari i tempi si allungano e quasi mai vengono portati a termine? E ancora: sembra che i giocatori che arrivano da Perugia siano a costo fisso, sia per l’acquisto che per la comproprietà! “2.500.000 euro”! Sgombriamo il campo da questi sospetti, non abbiamo voglia di tenerli ancora a lungo. Si chiarisca subito!

Perplesso

  • Visitatore
Annuncio choc di Lucchesi: VIA DI LIVIO
« Risposta #11 il: Luglio 18, 2004, 07:09:29 pm »
Annuncio choc a sorpresa di Fabrizio Lucchesi nel corso della prima conferenza stampa stagionale della squadra viola. Nell'annunciare che il futuro dirigente accompagnatore della squadra viola sarà Roberto Ripa, Lucchesi ha precisato: "Era un ruolo che avevamo pensato potesse ricoprire Angelo Di Livio. Ma Angelo ha rifiutato perché si sente ancora un giocatore. Noi allora gli abbiamo proposto un contratto nuovo annuale, ma lui ha chiesto una cifra tre volte superiore a quella che percepiva attualmente. Noi ad Angelo vogliamo un gran bene ma trattare in questa maniera non va bene. Quindi consideriamo la trattativa chiusa così".

Sono perplesso e sconcertato. L'atteggiamento arrogante di Lucchesi e' a dir poco avvilente.
Angelo Di Livio al di la dell'ingaggio richiesto meritava la riconferma, per ripagarlo quanto meno di quello che lui ha fatto e a quanto lui ha rinunciato nell'anno della C2 per restare con questa societa' e con questa maglia. Non sono un estimatore di Di Livio ma non condivido e non accetto questa scelta, impopolare e  vile.
Come tifoso viola mi sento offeso e sono dalla parte del capitano .
Spero che DDV colga la palla al balzo ed esautori presto dal suo ruolo una persona incapace e che non ha nemmeno il rispetto delle persone.
Angelo DI LIVIO UNO DI NOI!!!!

settedue

  • Ottimotifoso
  • ****
  • Post: 2061
    • Mostra profilo
    • Passione Viola
Re: IL COLLETTIVO SCRIVE: Rispeto per DI LIVIO
« Risposta #12 il: Luglio 18, 2004, 07:24:10 pm »
Non ho parole se non un grande e sentitissimo:
LUCCHESI PEZZO DI mer*a

Non mi frega un *azzo dei campioni che forse arriveranno, Angelo meritava di giocare ancora con noi e se non ci sarà non rispetterò più questa società, che, a parer mio, non rappresenta lo spirito dei tifosi viola.
Che si faccia chiarezza subito e che si riporti Di Livio dove deve stare ha disputare la sua ultima stagione in viola.
Angelo Di Livio Uno Di Noi

excalibur

  • Ottimotifoso
  • ****
  • Post: 1149
    • Mostra profilo
Il caso Di Livio
« Risposta #13 il: Luglio 18, 2004, 07:38:37 pm »
Sono letteralmente infuriata, voglio vedere cos'ha da dire Di Livio, se è vero che ha chiesto tre volte tante d'ingaggio rispetto a quello proposto. Brutta, bruttissima macchia da parte di Della Valle, non volevo credere alle parole di un mio amico che diceva che non avrebbe investito granchè, oltre a questo è anche cinico e impopolare. Ha ricevuto il regalo più bello della sua vita e lo sta manipolando in modo osceno e vergognoso. Poi magari mi calmo, adesso no.  :x

excalibur

  • Ottimotifoso
  • ****
  • Post: 1149
    • Mostra profilo
Il caso Di Livio
« Risposta #14 il: Luglio 18, 2004, 11:40:46 pm »
Sono solo indiscrezioni che ho avuto, ma sembra che alla fine Di Livio possa ancora essere ripreso, la questione è solo economica, anche se un po' ingarbugliata. Staremo a vedere...