Autore Topic: LE SCELTE DI DIEGO  (Letto 2785 volte)

alex1950

  • Violanato
  • *****
  • Post: 5765
  • #soloperlamaglia#
    • Mostra profilo
Re:LE SCELTE DI DIEGO
« Risposta #30 il: Maggio 02, 2016, 01:22:14 pm »
Non credo che venerdì o sabato o domenica prossima ci sia alcun incontro tra Sousa e AdV, per due motivi:

- il primo è LOGICO, chi comanda e decide non è AdV - (Anche lo scorso anno AdV vide Montella prima dell'ultima di campionato, ma anche se le cronache dicono che sostanzialmente avevano trovato un accordo,  DI FATTo non era così, anzi AdV DISERTO' non a caso l'ultima in casa.)

- il secondo è di PRINCIPIO. Mai e poi mai DIEGO si fa e si farà dettare l'agenda da qualcuno, non farà certamente un'eccezione con Paulo Sousa.

Del resto Rogg l'ha già detto, fino a che non sarà chiara la posizione in EL, non prenderanno in considerazione niente. E la nostra posizione la sapremo solo dopo il 21 maggio, dopo la finale di coppa Italia.

Quindi, nonostante stampa e tv e radio locali spingano in questa direzione, rimarranno delusi.
..hanno undici maglie viola, il colore più bello che c'è ..

franciwlf

  • Violanato
  • *****
  • Post: 5728
    • Mostra profilo
Re:LE SCELTE DI DIEGO
« Risposta #31 il: Maggio 02, 2016, 01:25:12 pm »
Anche io sarò deluso purtroppo

CHEM

  • Administrator
  • Violanato
  • *****
  • Post: 12225
    • Mostra profilo
Re:LE SCELTE DI DIEGO
« Risposta #32 il: Maggio 02, 2016, 07:44:09 pm »
Baldini della RAI ha detto che l'incontro non ci sarà perché è tutto deciso da febbraio. Anche secondo me finirà così, al limite si incontrerà con gli scagnozzi tanto per accecare il mondo.
Dite qualcosa di Viola. (N. Moretti)

alex1950

  • Violanato
  • *****
  • Post: 5765
  • #soloperlamaglia#
    • Mostra profilo
Re:LE SCELTE DI DIEGO
« Risposta #33 il: Maggio 03, 2016, 02:29:40 pm »
La vittoria del Leicester riporta a galla un vecchio cavallo di battaglia che aveva portato avanti DIEGO all'inizio, quando, tornata la Fiorentina in serie A, si era battuto per una maggior equità nella ripartizione dei diritti tv.
Poi sappiamo tutti com'è andata a finire.
La Fiorentina fu coinvolta, a torto o a ragione, nella vicenda di calciopoli, Diego ne uscì scottato e da quel momento i suoi rapporti col Palazzo son stati sempre più sporadici. Tentò una coalizzazione con le squadre più piccole, ma all'ultimo momento ..i compagni di cordata, si schierarono contro di lui ed a favore del potere costituito.

Morale della favola: su quella battaglia tutti i torti non li aveva.

Guardate qui. Questi sono le ripartizioni che vengono effettuate in Inghilterra (relative al 2015):



Preso atto che la Lega inglese percepisce più del doppio della Lega italiana, ma i rapporti tra le prime della classe e le ultime non hanno niente a che vedere con le nostre.
Per comodità quelle italiane le posterò in un prossimo intervento.

In termini assoluti tra la prima e l'ultima ci sono circa 47 mln di €, ma in termini puntuali l'ultima prende quasi 90 mln di con un rapporto di 1,53 contro un rapporto di 5 come in Italia.

Scusate se è poco !
..hanno undici maglie viola, il colore più bello che c'è ..

sololaviola

  • Global Moderator
  • Violanato
  • *****
  • Post: 16957
    • Mostra profilo
Re:LE SCELTE DI DIEGO
« Risposta #34 il: Maggio 03, 2016, 03:32:43 pm »
Purtroppo non capiscono che una ripartizione equa porta anche maggior spettacolo e visibilità. Quest'anno si parlerà della scudetto della juve nel mondo o di quello del Leicester?
C'è però da dire che non è solo l'aspetto economico ma anche di mentalità a far succedere ciò che è successo, anche perchè la differenza di fatturato tra Leicester e chelsea o ManUtd è uguale a quello che c'è tra juve e le squadre di centro classifica...

alex1950

  • Violanato
  • *****
  • Post: 5765
  • #soloperlamaglia#
    • Mostra profilo
Re:LE SCELTE DI DIEGO
« Risposta #35 il: Maggio 03, 2016, 06:09:14 pm »
Io spero e mi auguro che  l'effetto Leicester sia dirompente e che riesca a smuovere questo strazio organizzativo che abbiamo in Italia ! Sarebbe l'ora, no ?

Non sono completamente d'accordo, Slv, in Italia c'è un baratro, in termini puntuali, tra quello che prende la Juve e quello che prende, p.e., il Sassuolo, oppure il Chievo realtà paragonabili al  Leicester per bacino d'utenza e tradizione calcistica.

Ecco qua la realtà italiana (2014/2015)



Tra la Juve ed il Chievo ci sono 64 mln (28 contro 94), con il Sassuolo addirittura 74. Ed il Sassuolo, così come il Leicester è al secondo anno consecutivo nella massima divisione nazionale.

Se volessimo rapportare il sistema di ripartizione italiana sulla base degli introiti della Premier, la forbice si allargherebbe ancora di più. Ecco quanto prenderebbero i club italiani, facendo una proporzione:

Juve       247  mln
Milan      201
Inter      200
Napoli    163
Roma     160
Fiore      116
....
Chievo     73
Sassuolo  52

Abissi stratosferici.
Perché è il sistema che è sbagliato. E premia inopinatamente i clubs più importanti a discapito della competizione, che, di fatto, in Italia, da 25 anni latita.
E difficilissimamente il Sassuolo ed il Chievo potranno mai arrivare a vincere così come ha fatto il buon Ranieri a Leicester.
E questo è riferito solo ai diritti tv, che in Italia sono quasi il 60/70 % dei fatturati, oltre la media di tutte le squadre europee, che avendo stadi di proprietà e margini commerciali più curati, sono meno TV-dipendenti.

#####

Cosa c'entra tutto questo con le scelte di DIEGO ?

Beh, potrebbe entrarci perché, alla luce di quanto scritto sopra e degli ultimi eventi calcistici, potrebbe prendere anche una decisione ...clamorosa ....

« Ultima modifica: Maggio 03, 2016, 06:14:46 pm da alex1950 »
..hanno undici maglie viola, il colore più bello che c'è ..

sololaviola

  • Global Moderator
  • Violanato
  • *****
  • Post: 16957
    • Mostra profilo
Re:LE SCELTE DI DIEGO
« Risposta #36 il: Maggio 03, 2016, 06:21:18 pm »
Sul sistema ti do ragione, ma rapportando in proporzione il fatturato delle squadre in Premier e quelle in serie A si vede che il Leicester fattura cinque volte e mezzo in meno rispetto al ManUtd, cinque volte in meno rispetto al Chelsea. Quindi proporzionando il tutto alla serie A, ai fatturati della serie A, il Leicester lo si potrebbe considerare al livello di un Verona o di un Torino. Anche perchè poi hanno chiuso l'anno, mi sembra, con 30 milioni di attivo. Quindi alla fine hanno speso realmente quello che ha speso il torino o il verona...

I soldi contano, anche perchè un altro Leicester non lo vedremo più, ma questi hanno dato dimostrazione che si può far bene anche senza soldi.

Nevyce

  • SuperTifoso
  • *****
  • Post: 2584
    • Mostra profilo
Re:LE SCELTE DI DIEGO
« Risposta #37 il: Maggio 03, 2016, 06:42:00 pm »
Vabbe ragazzi il Leicester mica è la normalità eh.. è la prima volta che succede a 40 anni da quello che fece Clough con il Nottingham..
Che poi la ripartizione dei diritti tv in italia sia iniqua, nessun dubbio, però ora non cavalchiamo l'onda per dire che non ci fanno vincere. Se la Juve ha vinto 5 scudetti di fila qualche merito ce l'avrà eh..

CHEM

  • Administrator
  • Violanato
  • *****
  • Post: 12225
    • Mostra profilo
Re:LE SCELTE DI DIEGO
« Risposta #38 il: Maggio 03, 2016, 09:17:35 pm »
Intanto ho sentito che i bookmakers inglesi c'hanno rimesso una fraccata di quattrini con le scommesse sul Leicester. Dubito che una cosa del genere riaccadrà.......
Dite qualcosa di Viola. (N. Moretti)

sololaviola

  • Global Moderator
  • Violanato
  • *****
  • Post: 16957
    • Mostra profilo
Re:LE SCELTE DI DIEGO
« Risposta #39 il: Maggio 03, 2016, 10:37:34 pm »
Sentivo radio capital oggi e parlavano proprio dei bookmakers. La vittoria del Leicester era data a 5000, quella della possibilità che Bono diventasse Papa a 1000...

Nevyce

  • SuperTifoso
  • *****
  • Post: 2584
    • Mostra profilo
Re:LE SCELTE DI DIEGO
« Risposta #40 il: Maggio 03, 2016, 11:06:41 pm »
Quella di ritrovare Elvis vivo a 2000.......

Zero

  • aficionado
  • **
  • Post: 371
  • μηδέν
    • Mostra profilo
    • Web
Re:LE SCELTE DI DIEGO
« Risposta #41 il: Maggio 04, 2016, 09:46:08 am »
I diritti TV nella Premier sono ripartiti in quel modo per due motivi:

-Come ha detto alex, i diritti costano molto di più;
-Le squadre più forti hanno altre fonti di ricavo che rendono i soldi delle TV non indispensabili non dico al successo, ma alla sopravvivenza del club stesso. Senza i diritti TV, tolta la Juve (forse), le altre squadre di vertice fallirebbero in mezza giornata, per questo puntano i piedi contro qualsiasi modifica allo status quo.
"Non amo molto il calcio. Amo giocare a calcio, che è un'altra cosa.", Borja Valero Iglesias, centrocampista

sololaviola

  • Global Moderator
  • Violanato
  • *****
  • Post: 16957
    • Mostra profilo
Re:LE SCELTE DI DIEGO
« Risposta #42 il: Maggio 04, 2016, 09:58:54 am »
Siamo destinati a diventare come il calcio francese...

alex1950

  • Violanato
  • *****
  • Post: 5765
  • #soloperlamaglia#
    • Mostra profilo
Re:LE SCELTE DI DIEGO
« Risposta #43 il: Maggio 04, 2016, 01:40:23 pm »
Nessuno disconosce i meriti della Juve, alla quale, anche se a malincuore, occorre riconoscere che è, minimo, 5 anni avanti a tutte le altre. Ma non solo dal punto di vista economico ma anche e soprattutto dal punto di vista dell'organizzazione SOCIETARIA.

E' lì che io insisto, perché convinto che tutto nasce dalla forza societaria.

Ma, siccome, ad ogni piè sospinto, c'è qualcuno che ci ricorda quanto costa, finanziariamente, avere un organico da vertice.
Una volta AdV, una volta Cognigni, una volta Pradè, una volta Rogg, non si perde occasione per ricordare fatturato, diritti tv e monte ingaggi.
Prima, fino a qualche anno fa, ricordate ?, ci dicevano che arrivare ..quarti ed entrare in CL era come vincere lo scudetto - anzi, lo sgudetto... ...allora ..

Allora, per rimettere i discorsi in fila, diciamo anche che, in Italia, in Fiorentina, come dicono Zero e Nevyce, non si vive soltanto di ...diritti tv (sulla cui ripartizione Diego sì che a suo tempo s'era impegnato !).

C'è anche altro, come dice Slv: ci sono anche e soprattutto ... la competenza calcistica, la forza societaria nei suoi ruoli dirigenziali e la professionalità della parte sportiva, oltre a qualche idea innovativa, che serve sempre.

E' questo che, a volte, fa la differenza, oltre ai soldi.

..hanno undici maglie viola, il colore più bello che c'è ..

sololaviola

  • Global Moderator
  • Violanato
  • *****
  • Post: 16957
    • Mostra profilo
Re:LE SCELTE DI DIEGO
« Risposta #44 il: Maggio 04, 2016, 04:10:36 pm »
Una squadra media per puntare ad alti traguardi deve avere un mix di tutto proprio per sopperire alla mancanza di soldi. Purtroppo se fatturiamo un quinto della juve si deve trovare il modo di ridurre il GAP in un altro modo. E per questo la competenza e le scelte giuste possono aiutare molto.