Sondaggio

Pontello
3 (60%)
Cecchi Gori
2 (40%)
Della Valle
0 (0%)

Totale votanti: 4

Autore Topic: Pontello vs Cecchi Gori vs Della Valle  (Letto 2207 volte)

Pennywise

  • Visitatore
Pontello vs Cecchi Gori vs Della Valle
« il: Ottobre 28, 2017, 09:28:10 pm »
Il nuovo arrivato vi pone subito un sondaggio interessante chi riguarda probabilmente le 3 proprietà più importanti nella storia della Fiorentina dagli anni 80 in poi, probabilmente non tutti avranno potuto vivere tutte le gestione citate ma anche dai racconti, gli scritti ed i filmati un'idea ce la siamo fatta.
Adesso amici viola a voi la parola.

sololaviola

  • Global Moderator
  • Violanato
  • *****
  • Post: 17401
    • Mostra profilo
Re:Pontello vs Cecchi Gori vs Della Valle
« Risposta #1 il: Ottobre 28, 2017, 11:40:30 pm »
Le squadre che abbiamo avuto con vcg ce le sogneremo a lungo. Aveva poco cervello, ma un Batistuta per nove anni chi te lo farà più vedere?

Pennywise

  • Visitatore
Re:Pontello vs Cecchi Gori vs Della Valle
« Risposta #2 il: Ottobre 29, 2017, 08:53:58 am »
A livello di trofei non c'è confronto visto che Cecchi Gori insieme a Befani è il presidente più vincente della storia della Fiorentina, certo ci ha regalato anche momenti molto drammatici come la retrocessione del 1993 e il fallimento del 2002 ma senza di lui fuoriclasse come Batistuta e Rui Costa gli avremmo mai potuti ammirare al Franchi?
Poi c'è il tasto del campionato del 1999 dovemmo potremmo parlare per ore ed ore su come sarebbe finito senza che Bati si infortunasse (Edmundo fu il secondo problema).
I periodo dei Della Valle andrebbe diviso in più parti, la prima che va dall'acquisto della Florentia Viola nel 2002 alla cacciata di Prandelli nel 2010 dove veramente a Firenze si erano rivisti veri campioni ed i risultati arrivavano ogni anno (escluso il 2005 ma gli arbitri ci misero parecchio del loro). Poi ci furono Sinisa e Delio ma il patron DDV si era già distaccato dal mondo viola e le prime crepe con i tifosi iniziano ad allargarsi...
con Montella la situazione sembrava tornata ad essere sorridente per la piazza e nel mercato del 2013 qualche giornalista preso dalla troppa euforia pronunciò pure la parola scudetto, la stagione complice anche gli infortuni di Rossi e Gomez non fu entusiasmante come la precedente ma arrivò grazie ad un sorteggio molto facile la prima finale dell'era DV culminata col fattaccio che tutti ricordiamo. Partita da rinviare invece si volle giocare a tutti i costi e chiaramente si perse. Da quel giorni Diego e Andrea hanno iniziato lentamente ad allontanarsi dalla Fiorentina e infatti già nell'ultimo anno di Montella l'aeroplanino non faceva altro che lanciare frecciatine ai padroni.
I Pontello gli ho vissuti troppo poco per dare un giudizio su di loro, ma gli storici dicono che finché il conte Flavio non si stancò fu il periodo più bello di sempre per la Fiorentina.

sololaviola

  • Global Moderator
  • Violanato
  • *****
  • Post: 17401
    • Mostra profilo
Re:Pontello vs Cecchi Gori vs Della Valle
« Risposta #3 il: Ottobre 29, 2017, 09:24:10 am »
Il confronto cg-dv lo vedo come il detto meglio un giorno da leone che 100 da pecora. Con cg abbiamo vissuto il giorno da leone (pure più di uno) mentre con DV viviamo i giorni da pecora, senza sussulti. Io preferirei anche retrocedere se assieme alla retrocessione avessi anche uno scudetto (ovvio, non nello stesso anno...)

Pennywise

  • Visitatore
Re:Pontello vs Cecchi Gori vs Della Valle
« Risposta #4 il: Ottobre 29, 2017, 09:52:09 am »
I DV non si possono neanche definire pecore ma conigli, non posso vedere un presidente che si spaventa perchè 20 ragazzi gli urlano di spendere i soldi per arrivare in Champions, è questo che a me fa rabbia e viene il prurito alle le mani se ci ripenso.
Diego che torna a parlare dopo la vittoria contro il Bologna perchè si era vinto due partite di seguito per creare ancora più polemiche in città poi è l'apoteosi della vigliaccheria, ma dove era questo squallido personaggio quando perdevamo in casa con la Samp ed eravamo a 0 punti in due giornate?

Zero

  • aficionado
  • **
  • Post: 371
  • μηδέν
    • Mostra profilo
    • Web
Re:Pontello vs Cecchi Gori vs Della Valle
« Risposta #5 il: Ottobre 29, 2017, 10:14:46 am »
Un'analisi comparata tra le tre proprietà può essere certamente un esercizio interessante. Farla passando per un sondaggio credo non sia efficace.

Ogni proprietà va contestualizzata, innanzi tutto: fare impresa nel calcio anni 80 è diverso da farlo negli anni 90 e ai giorni nostri, sono realtà completamente diverse sotto tantissimi aspetti.

Secondo, usare i trofei vinti come indice di buona gestione societaria lascia fuori tutta la parte non legata ai risultati sportivi: gestione finanziaria, solidità societaria, bacino di utenza, prestigio, marketing, settore giovanile.

Io sono troppo giovane per aver vissuto i Pontello, mentre ero un bambino quando giocava Batistuta. L'unico periodo che ho vissuto consapevolmente è quello dei Della Valle, quindi non posso nemmeno dare un parere consapevole. Posso solo dire che se davvero il progetto dello stadio si andrà concretizzando, qualsiasi paragone tra l'attuale proprietà e le precedenti sarà inutile, visto il lascito che garantirebbero a città e tifo (che a mio parere vale più di una Champions League, anche se so di essere estremo).
"Non amo molto il calcio. Amo giocare a calcio, che è un'altra cosa.", Borja Valero Iglesias, centrocampista

sololaviola

  • Global Moderator
  • Violanato
  • *****
  • Post: 17401
    • Mostra profilo
Re:Pontello vs Cecchi Gori vs Della Valle
« Risposta #6 il: Ottobre 29, 2017, 10:27:48 am »
Il calcio è vittoria. Lo sport è vittoria. É inutile far finta di essere tutti de coubertin, alla fine se nomino i 100 metri voi mo fate il nome di bolt e non della brava persona che perdeva sempre...

Zero

  • aficionado
  • **
  • Post: 371
  • μηδέν
    • Mostra profilo
    • Web
Re:Pontello vs Cecchi Gori vs Della Valle
« Risposta #7 il: Ottobre 29, 2017, 11:27:52 am »
Al giorno d'oggi il calcio è prima di tutto intrattenimento. Per una squadra che vince ce ne sono altre che non vincono e che comunque alimentano uno spettacolo che muove miliardi di euro e milioni di spettatori.

Secondo me, attualmente, la gestione di una squadra di calcio deve essere valutata prima di tutto sotto questo aspetto. Quanti tifosi ho? Quanti spettatori ho? Quanti biglietti, quante magliette vendo? Quanto fatturo all'anno?

Mettere in bacheca un trofeo è un evento sporadico, mentre se ogni domenica lo stadio è sold out e se un bambino della Birmania guarda la sintesi di una partita della Fiorentina e uno di San Paolo gioca in strada con la maglia viola, allora la società ha fatto un buon lavoro.

Certo, ci si arriva con le vittorie, ma essere una squadra vincente vuol dire prima di tutto creare una mentalità ed un movimento tale da presentarsi in ogni stadio del mondo con la presunzione di vincere. E questo lo puoi fare se sai che alle spalle hai un colosso che fattura un sacco di quattrini.
"Non amo molto il calcio. Amo giocare a calcio, che è un'altra cosa.", Borja Valero Iglesias, centrocampista

Pennywise

  • Visitatore
Re:Pontello vs Cecchi Gori vs Della Valle
« Risposta #8 il: Ottobre 29, 2017, 12:30:49 pm »
Secondo me Zero quello che dici può riuscire solo ai top club europei, in Italia solo le tre del nord possono cercano di avere un marketing e un seguito di ottimo livello pure oltre i confini italici. Riguardo lo stadio sarebbe bello se venisse fatto ma te quante possibilità credi che ci siano di avere un impianto nuovo in tempi brevi? per tempi brevi si parla di averlo pronto nel 2023 se va bene.

sololaviola

  • Global Moderator
  • Violanato
  • *****
  • Post: 17401
    • Mostra profilo
Re:Pontello vs Cecchi Gori vs Della Valle
« Risposta #9 il: Ottobre 29, 2017, 12:47:04 pm »
Al giorno d'oggi il calcio è prima di tutto intrattenimento. Per una squadra che vince ce ne sono altre che non vincono e che comunque alimentano uno spettacolo che muove miliardi di euro e milioni di spettatori.

Secondo me, attualmente, la gestione di una squadra di calcio deve essere valutata prima di tutto sotto questo aspetto. Quanti tifosi ho? Quanti spettatori ho? Quanti biglietti, quante magliette vendo? Quanto fatturo all'anno?

Mettere in bacheca un trofeo è un evento sporadico, mentre se ogni domenica lo stadio è sold out e se un bambino della Birmania guarda la sintesi di una partita della Fiorentina e uno di San Paolo gioca in strada con la maglia viola, allora la società ha fatto un buon lavoro.

Certo, ci si arriva con le vittorie, ma essere una squadra vincente vuol dire prima di tutto creare una mentalità ed un movimento tale da presentarsi in ogni stadio del mondo con la presunzione di vincere. E questo lo puoi fare se sai che alle spalle hai un colosso che fattura un sacco di quattrini.

Ma guarda che non è che si mettono a tifare viola perchè gli piace il colore. Una persona diventa tifoso di una squadra (specialmente fuori la propria zona di appartenenza) proprio grazie alle vittorie ed ai campioni che hai in squadra. Quando c'era Bati nel mio paese c'erano diverse persone in mezzo alla strada con la sua maglietta, oggi vanne a trovare uno che conosca la fiorentina. Inoltre quando parlo di vittorie è inteso anche al livello storico di una squadra. Un gobbo aspira a vincere scudetti su scudetti, a Firenze vincere qualcosa ogni tanto già sarebbe una ottima cosa. Per il Benevento salire in A era una vittoria, e pensa che già si lamentano perchè rischiano di tornare in B. E' il vincere che ti appassiona, altrimenti le squadre più seguite non sarebbero juve, milan e inter...

sololaviola

  • Global Moderator
  • Violanato
  • *****
  • Post: 17401
    • Mostra profilo
Re:Pontello vs Cecchi Gori vs Della Valle
« Risposta #10 il: Ottobre 29, 2017, 12:48:11 pm »
Secondo me Zero quello che dici può riuscire solo ai top club europei, in Italia solo le tre del nord possono cercano di avere un marketing e un seguito di ottimo livello pure oltre i confini italici. Riguardo lo stadio sarebbe bello se venisse fatto ma te quante possibilità credi che ci siano di avere un impianto nuovo in tempi brevi? per tempi brevi si parla di averlo pronto nel 2023 se va bene.

Però facciamo confusione. Ok che l'impianto di proprietà serve, ok che si va più comodi a segiure le partite e cosa principale aumenta gli introiti ma non è che uno diventa tifoso perchè la squadra ha costruito lo stadio...

Pennywise

  • Visitatore
Re:Pontello vs Cecchi Gori vs Della Valle
« Risposta #11 il: Ottobre 29, 2017, 01:10:40 pm »
Secondo me Zero quello che dici può riuscire solo ai top club europei, in Italia solo le tre del nord possono cercano di avere un marketing e un seguito di ottimo livello pure oltre i confini italici. Riguardo lo stadio sarebbe bello se venisse fatto ma te quante possibilità credi che ci siano di avere un impianto nuovo in tempi brevi? per tempi brevi si parla di averlo pronto nel 2023 se va bene.

Però facciamo confusione. Ok che l'impianto di proprietà serve, ok che si va più comodi a segiure le partite e cosa principale aumenta gli introiti ma non è che uno diventa tifoso perchè la squadra ha costruito lo stadio...
Lo stadio non porterebbe certamenti nuovi tifosi ma aumenterebbe gli introiti ed i ricavati della societa'. Ma tanto sono tutti discorsi campati in aria perche' lo stadio non si fara' adesso e se ne parlera' tra parecchi anni con una nuova propieta' alle spalle.

Zero

  • aficionado
  • **
  • Post: 371
  • μηδέν
    • Mostra profilo
    • Web
Re:Pontello vs Cecchi Gori vs Della Valle
« Risposta #12 il: Ottobre 29, 2017, 01:30:17 pm »
Al giorno d'oggi il calcio è prima di tutto intrattenimento. Per una squadra che vince ce ne sono altre che non vincono e che comunque alimentano uno spettacolo che muove miliardi di euro e milioni di spettatori.

Secondo me, attualmente, la gestione di una squadra di calcio deve essere valutata prima di tutto sotto questo aspetto. Quanti tifosi ho? Quanti spettatori ho? Quanti biglietti, quante magliette vendo? Quanto fatturo all'anno?

Mettere in bacheca un trofeo è un evento sporadico, mentre se ogni domenica lo stadio è sold out e se un bambino della Birmania guarda la sintesi di una partita della Fiorentina e uno di San Paolo gioca in strada con la maglia viola, allora la società ha fatto un buon lavoro.

Certo, ci si arriva con le vittorie, ma essere una squadra vincente vuol dire prima di tutto creare una mentalità ed un movimento tale da presentarsi in ogni stadio del mondo con la presunzione di vincere. E questo lo puoi fare se sai che alle spalle hai un colosso che fattura un sacco di quattrini.

Ma guarda che non è che si mettono a tifare viola perchè gli piace il colore. Una persona diventa tifoso di una squadra (specialmente fuori la propria zona di appartenenza) proprio grazie alle vittorie ed ai campioni che hai in squadra. Quando c'era Bati nel mio paese c'erano diverse persone in mezzo alla strada con la sua maglietta, oggi vanne a trovare uno che conosca la fiorentina. Inoltre quando parlo di vittorie è inteso anche al livello storico di una squadra. Un gobbo aspira a vincere scudetti su scudetti, a Firenze vincere qualcosa ogni tanto già sarebbe una ottima cosa. Per il Benevento salire in A era una vittoria, e pensa che già si lamentano perchè rischiano di tornare in B. E' il vincere che ti appassiona, altrimenti le squadre più seguite non sarebbero juve, milan e inter...
.

Concordo e infatti se leggi bene ho scritto che ci si arriva con le vittorie.

Però condizione necessaria per le vittorie è avere alle spalle una società che sia credibile e coerente con la mentalità vincente. La Juventus anche se quest'anno dovesse fallire tutti gli obiettivi stagionali rimarrebbe la Juventus, nel senso che come brand è la società potente per eccellenza perché oltre al blasone e ai titoli rimane comunque la società meglio organizzata della Serie A.

Milan ed Inter, così come Roma e Lazio, sono rimaste al palo in questo senso. Il Napoli ha uno stadio da terzo mondo.

La Fiorentina in questo senso ha un potenziale enorme per diventare la società più cool della serie A, perché ha dalla sua il fatto di essere la squadra di Firenze. Per lavoro viaggio molto e mi confronto con persone delle altre parti di Italia e del mondo (soprattutto US) e fidatevi che la maggioranza mi invidia per il fatto di vivere a Firenze. Se anche 1 turista su 20 visitasse lo stadio o comprasse la maglia della Fiorentina, nel giro di 5 anni ci sarebbero centinaia di migliaia di simpatizzanti in più.

L'antico vinaio è il locale più recensito al mondo su tripadvisor e con tutto il rispetto e l'affetto possibili al netto del folclore è una paninoteca. Per dire.
"Non amo molto il calcio. Amo giocare a calcio, che è un'altra cosa.", Borja Valero Iglesias, centrocampista

Pennywise

  • Visitatore
Re:Pontello vs Cecchi Gori vs Della Valle
« Risposta #13 il: Ottobre 29, 2017, 04:02:33 pm »
Oggi Diego non parla di avvoltoi, rosiconi e altre c...e varie? Secondo voi si rivedrano i braccini entro la fine dell'anno allo stadio?

claudinski

  • Ottimotifoso
  • ****
  • Post: 1833
    • Mostra profilo
Re:Pontello vs Cecchi Gori vs Della Valle
« Risposta #14 il: Ottobre 30, 2017, 04:16:30 pm »
Allora ho votato Pontello. L'era Cecchi Gori e Della Valle le ho vissute pienamente mentre Pontello solo la parte finale dal vivvo allo stadio (di contestazione). I Pontello li ho infamati alla morte per la cessione di Baggio evitabile perché bastava fare in modo che quei soldi rientrassero dai Cecchi Gori (che li avrebbero messi) ed eravamo tutti contenti.
Il discorso è che i Pontello anche se non hanno vinto niente a Firenze sono andati vicinissimo a farlo sia lo scudetto (con il 2° posto) sia la finale di coppa uefa e al contrario di Cecchi Gori non hanno fatto fallire la società ne ci hanno mandato in B con squadre per niente da B. Quindi alla fine ho scelto loro fra i 3.